Gli haters, un universo di frustrati che non sanno tacere ma che devono essere fermati

Gli haters sono un vero e proprio cancro della società, persone mentalmente instabili che fanno danni enormi
Pubblicato il Settembre 05, 2018, 12:01 pm
4 mins

Quante volte abbiamo sentito la parola haters? E quanti si sono chiesti ma chi sono questi personaggi di cui tanto si parla e si scrive? Parliamo di una categoria ben precisa, coloro che non sanno tacere, ma non solo, le uniche frasi che sanno dire sono di odio, scherno, spesso derisione a volte di minaccia vera e propria. Sono persone che leggendo un articolo, o vedendo una foto sui social non hanno niente di meglio che criticare con ferocia spesso spingendosi nell’offesa personale.

In un mondo idilliaco e completamente democratico come potrebbe essere quello di internet, queste persone sono un vero e proprio cancro che spesso si nasconde dietro ad un utente fake perché non ha il coraggio di mostrare nome e cognome e che spesso crea danni psicologici, specie ai più deboli.

Critiche feroci, odio fino ad arrivare alle minacce di morte, ecco chi e cosa fanno gli haters

Perché se è vero che gli haters hanno proliferato sui profili delle persone famose, con l’andare del tempo hanno iniziato a insultare e minacciare anche persone normalissime che non si aspettavano tanto odio solo perché la si pensa diversamente. La cosa interessante è che quando ad un personaggio famoso fanno conoscere uno haters quest’ultimo si comporta in maniera del tutto differente, scusandosi, inventando chissà quale sopruso che ha dovuto subire e bugie varie. Diciamo la verità a molti di voi piace il potere che una tastiera e un monitor vi da perché vi allontana da chi avete preso di mira e vi fa da scudo perché in realtà vi manca il coraggio di dire alla persona interessata quello che scrivete.

Tra le più “insultate” del web c’è Belen, che ne ha prese di santa ragione dopo la foto vicino ad un jet privato, ma anche Arisa dopo il suo ultimo X Factor, Michelle Hunzicker con la figlia Aurora presa di mira perché non era bella come la mamma e tra i peggiori in assoluto i messaggi a Leonardo Bonucci e al figlio dopi il passaggio del giocatore dalla Juventus al Milan con quel terribile “Tuo figlio deve morire, deve ammalarsi di nuovo”.

Cosa passi nella mente di queste persone è difficile da dirsi ma certamente di fondo ci deve essere un disagio sociale anche molto grave, frasi così piene di odio non è solo un sentimento ma una vera e propria malattia mentale. Se da un lato posso accettare e capire quelle sul fenomeno dell’immigrazione perché servono agli schieramenti politici per fare la propria propaganda, non posso accettare chi invece insulta e minaccia una persona così, gratuitamente e senza nessun motivo logico. Dare la colpa ai social ancora una volta sarebbe troppo semplice, sicuramente sono un veicolo, ma l’haters è un “odiatore” seriale che da sempre ha questo virus dentro di se, i social gli hanno solamente dato una mano, una spintarella. Ricordo a chi legge che la cassazione ha già condannato chi ci va pesante su Facebook, con minacce e offese, sarebbe però ora che non solo l’Italia ma tutti i governi si impegnino ad emanare una legge ben precisa contro queste persone, il cyber bullismo nasce da qui, i suicidi per cyber bullismo nascono da qui. Meditiamo!

Siamo dei Don Chisciotte che crediamo in un sogno, quello di dire la verità senza se e senza ma, senza costrizione ne tanto meno minacce. Ci riusciremo? Chi lo sa voi nel frattempo seguiteci.

Leave a Reply

  • (non pubblicata)