Gli italiani conoscono davvero la Costituzione Italiana? Ahimè purtroppo no!

Non è un accessorio ma il pilastro su cui si basa il nostro paese e non conoscerla è come non conoscere i nomi dei nostri nonni
Pubblicato il Ottobre 22, 2018, 2:51 pm
2 mins

Qualcuno ricorda il famoso show di Roberto Benigni, attore, regista e comico italiano vincitore del Premio Oscar per La vita è bella? Be’, il suo show si basava sulla Costituzione Italiana sottolineandone alcuni passaggi importanti e fondamentali. Purtroppo recentemente, sono emersi dei dati piuttosto allarmanti: 9 italiani su 10 non conoscono la propria Costituzione.

Ciò non significa solo ignorare le leggi, le norme e l’attività che regola il nostro stesso governo, ma anche e soprattutto vivere in un paese di cui sappiamo poco e nulla. La Costituzione è ciò su cui si basa ogni aspetto del nostro vivere civile. Ma gli italiani la ignorano. Perché?

Nel corso del tempo è venuta a mancare lo studio della materia, inserita in Educazione Civica materia che i vari ordinamenti della scuola moderna hanno tagliato. Certo, non si studiava in maniera approfondita come fanno gli  studenti di Giurisprudenza, ma era dovere dei professioni impartire ai giovani delle lezioni fondamentali: come  si elegge il governo, come si vota, chi è il Presidente della Repubblica e quali funzioni svolge.

Perché la Costituzione dovrebbe diventare una materia scolastica?

Con il tempo, purtroppo, si è dato sempre meno spazio a questa materia che potremmo definire fondamentale. Dopotutto, a scuola i giovani non imparano solamente le materie di riferimento, ma anche a vivere e a pensare e soprattutto a comportarsi civilmente.

L’altra faccia della medaglia è che è ancora più preoccupante è che persino i politici stessi, spesso e volentieri, ignorano molti passi della Costituzione della Repubblica Italiana.

Approvata il 22 dicembre del 1947, la Costituzione è stata promulgata dall’allora capo provvisorio dello Stato Enrico de Nicola. Vanta 139 articoli e anche 18 disposizioni transitorie e finali. La nostra Costituzione è stata frutto di un lavoro certosino: guardando l’anno in cui è stata scritta possiamo già intuire quali sono i suoi temi più importanti e qual è il suo scopo.

La Costituzione dovrebbe essere studiata come le tabelline matematiche: dopotutto, dobbiamo conoscere il nostro paese, a partire dalle sue leggi. Ricordate una cosa fondamentale: più una persona è istruita e più sarà difficile manipolarla e indirizzarla.

Siamo dei Don Chisciotte che crediamo in un sogno, quello di dire la verità senza se e senza ma, senza costrizione ne tanto meno minacce. Ci riusciremo? Chi lo sa voi nel frattempo seguiteci.

Leave a Reply

  • (non pubblicata)